Benvenuto nel portale del Comune di Bergamo (BG) - clicca per andare alla home page
ti trovi in: HOME » La città » Storia » Personaggi illustri » Giacomo Manzù
cerca nel sito
motore di ricerca
>
Giacomo Manzù
Manzu

(Bergamo 1908-Ardea, Roma, 1991). Pseudonimo dello scultore, incisore e scenografo teatrale Giacomo Manzoni. La sua scuola furono le botteghe degli artigiani dove imparò a lavorare con le mani diversi materiali come il legno, la pietra e l'argilla. Dopo un apprendistato di tipo artigianale, comprese di dover coltivare il proprio interesse per l'arte durante il servizio militare a Verona, quando ebbe modo di studiare le porte di San Zeno e si appassionò ai calchi dell'Accademia Cicognini. Stabilitosi a Milano nel 1930, ebbe come primo incarico la decorazione della Cappella all'Università Cattolica (1931). Il soggiorno milanese lo mise in contatto con l'esperienza di Medardo Rosso e durante un soggiorno a Parigi incontrò Auguste Rodin, elementi che lo spinsero ad abbandonare lo stile arcaizzante del periodo giovanile. Tra i temi preferiti in quest'epoca la figura femminile e i soggetti religiosi: Testa di donna (1936, Galleria d'Arte Moderna, Milano) e Susanna (1937, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma), che mostrano grazia e attenzione alle proporzioni, riconducibili ai principi classici, coniugate con raffinati giochi di luce d'origine impressionista. Alla fine degli anni Trenta Manzù iniziò la famosa serie dei Cardinali, e nel 1941 ricoprì per un breve periodo la cattedra di scultura all'Accademia di Brera. Dal 1952 al 1964 lavorò alla Porta della Morte, dedicata a papa Giovanni XXIII, per la basilica di San Pietro a Roma. Sono di questi anni Passo di danza (1954, Städtische Kunsthalle, Mannheim), la Porta dell'Amore per il Duomo di Salisburgo (1955-1958) e il Ritratto di Inge (1960, collezione Schnabel, Ardea).

Per saperne di più':
http://www.artcyclopedia.com/artists/manzu_giacomo.html

data ultima modifica: 19/02/2007



Comune di
BERGAMO
Indirizzo: Palazzo Frizzoni, piazza Matteotti, 27 - 24122 Bergamo
Telefono: 035.399.111    Fax: 035.0662696
P.Iva: 00636460164
Posta elettronica certificata (PEC):  protocollo@cert.comune.bergamo.it
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl  © 2013