Benvenuto nel portale del Comune di Bergamo (BG) - clicca per andare alla home page
ti trovi in: HOME » La città » Storia » Personaggi illustri » Michelangelo Merisi
cerca nel sito
motore di ricerca
>
Michelangelo Merisi

Caravaggio

(Caravaggio 1571 - Porto Ercole 1610). Si formò a Milano sulle opere di maestri bergamaschi e bresciani del Cinquecento, dai quali trasse l'attenzione al fatto reale, quotidiano, e una religiosità schietta e priva d'enfasi. Caratteristica innovatrice della sua pittura è la funzione della luce, che fa emergere le cose dall'ombra e costruisce i volumi. Questi elementi maturarono quando Caravaggio si trasferì a Roma (ca 1593). Agli anni che seguirono il periodo di alunnato presso la bottega del pittore bergamasco Peterzano sono riferite alcune opere che l'artista avrebbe eseguito prima del suo viaggio a Roma: Bacco (Firenze, Uffizi), Fanciullo morso da un ramarro (Firenze, collezione R. Longhi), Buona ventura (Parigi, Louvre; Roma, Musei capitolini), il Riposo nella fuga in Egitto e la Maddalena (Roma, Galleria Borghese). Ai primi brani di realismo quotidiano, il Bacchino malato (Roma, Galleria Borghese), il più tardo I bari (Roma, Galleria Sciarra) e il bellissimo Canestro di frutta (Milano, Pinacoteca ambrosiana), succedono composizioni più complesse che culminano nel ciclo per la cappella Contarelli in S. Luigi dei Francesi. Queste opere (S. Matteo e l'angelo, Vocazione e Martirio di S. Matteo) suscitarono scandalo per l'ardita interpretazione realistica degli episodi religiosi, narrati con drammatico linguaggio chiaroscurale. Forte ed essenziale l'impianto dei dipinti per S. Maria del Popolo: la Crocifissione di S. Pietro e la Conversione di S. Paolo che segnarono il culmine della sua maturità artistica. Le ultime opere romane, la Madonna di Loreto (Roma, S. Agostino), la Madonna del serpe (Roma, Galleria Borghese), la Cena in Emmaus (Londra, National Gallery) e la Morte della Vergine (Parigi, Louvre), furono aspramente criticate per il crudo realismo. Coinvolto nel 1606 in una rissa mortale, fu colpito da bando capitale e riparò a Napoli. Le opere colà eseguite, la Madonna del Rosario (Vienna, Kunsthistorisches Museum), le Sette opere della Misericordia (Napoli, Pio Monte della Misericordia) mostrano un ulteriore frantumarsi della luce e un accentuarsi del movimento delle figure. Da Napoli nella sua fuga passò a Malta e di qui si recò in Sicilia. Nelle ultime opere l'estro dell'artista diviene sempre più tragico, come testimonia il Seppellimento di S. Lucia.

Per saperne di più:
www.storiadellarte.com/biografie/caravaggio

data ultima modifica: 22/02/2010



Comune di
BERGAMO
Indirizzo: Palazzo Frizzoni, piazza Matteotti, 27 - 24122 Bergamo
Telefono: 035.399.111    Fax: 035.0662696
P.Iva: 00636460164
Posta elettronica certificata (PEC):  protocollo@cert.comune.bergamo.it
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl  © 2013