Al via il programma estivo per bambini e ragazzi - Attività in tutti i quartieri della città

Dagli uffici
     

Da lunedì 22 giugno ripartono le attività educativo-ricreative per l’estate dei bambini e dei ragazzi in città,  un progetto inserito nel quadro di azioni previste per la Fase 2 dell’emergenza COVID-19 delineate nel documento di Giunta “BERGAMO 2020 Strategia di rilancio e di adattamento”.

La sospensione di tutte le attività educative e scolastiche in presenza ha comportato per i bambini e i ragazzi la perdita non solo della scuola, punto di riferimento essenziale per la crescita, ma anche degli amici, dello sport, dell’oratorio, del gioco all'aperto, della possibilità di abitare ed esplorare il proprio ambiente.
Partendo quindi da questo presupposto, il sistema cittadino degli interventi educativo-ricreativi estivi per bambini e adolescenti nella fascia di età 3-17 anni, è stato strutturato in modo da rispettare le diverse esigenze.
Sono cinque le tipologie di proposta, di cui le prime tre a gestione diretta del Comune di Bergamo:
centri estivi per bambini di tre anni (salvo successive disposizioni normative) iscritti ai nidi comunali per l’anno educativo 2019/2020
ludoteche: iniziative aggregative e ludiche all’aria aperta per gruppi stabili utilizzando i parchi in cui sono inserite in sinergia con le realtà territoriali;
spazi giovanili di quartiere: iniziative aggregative di cittadinanza attiva all’aria aperta in collegamento con le realtà territoriali e attività animative per gruppi di ragazzi stabili;
interventi estivi di inclusione dei minori con disabilità o con situazioni di fragilità, con la costruzione di progetti personalizzati, a domicilio o nel territorio, definiti nell’ambito delle co-progettazioni del Servizio per l’inclusione e del Servizio minori e famiglie, in accordo con le famiglie;
attività ludiche, ricreative ed educative ai sensi dell’art. 1 lett. c) DPCM del 17/05/2020 organizzate dai soggetti della città che si occupano di attività educative, ricreative, sportive, culturali per bambini, bambine, ragazzi e ragazze.

In riferimento a quest’ultimo punto, dopo la pubblicazione della manifestazione di interesse per l’individuazione dei soggetti della città disponibili a partecipare alla co-progettazione e alla cogestione di un Patto educativo di territorio, sono pervenute oltre 100 candidature da parte di Organizzazioni del Terzo Settore, Associazionismo, Enti riconosciuti delle confessioni religiose, Associazioni o società sportive dilettantistiche, altri Enti dedicati ad attività educativa. Una partecipazione numerosa che offre una copertura di attività di diverso genere in tutti i quartieri della città.

In questi anni, - dichiara l’Assessore all’Istruzione Loredana Poli - l’Amministrazione comunale di Bergamo ha lavorato sulla costruzione di azioni di sistema tra tutti i soggetti che, a diverso titolo, operano in campo educativo con l'obiettivo di sostenere un processo culturale che, superando l’idea che l’educazione sia un ambito riservato agli “esperti”, chiama invece tutti gli adulti all’attenzione e alla cura educativa dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze attraverso la valorizzazione di culture, saperi, esperienze, apprendimenti. Crediamo infatti che l’educazione di qualità per tutte le età sia decisiva per la costruzione di legami sociali significativi nelle comunità.”
“La costruzione di un sistema di attività estive 2020 per la fascia 3-17 – prosegue l’Assessore Poli – non ha potuto quindi prescindere dalla definizione di un Patto educativo di territorio di ampio respiro in grado di definire una cornice etico-pedagogica dentro cui collocare strumenti operativi che promuovano la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti nella gestione di attività educative, ricreative, sportive, culturali per bambini, bambine, ragazzi e ragazze.”

“L’isolamento imposto dall’emergenza Covid-19, – aggiunge l’Assessore alle Politiche sociali Marcella Messina – ha determinato conseguenze ancora più gravose per coloro che vivono situazioni di particolare difficoltà. Ad oggi sono 300 le famiglie con bambini e ragazzi con disabilità, a cui si aggiungono quelli con fragilità sociale, che hanno fatto richiesta di partecipazione ai progetti integrati previsti per i prossimi mesi che prevedono non solo i centri estivi ma interventi personalizzati e, se necessario, anche domiciliari. ”

Per quanto riguarda gli aspetti economici, il Decreto Legge n.34 del 19 maggio 2020 ha previsto risorse di supporto ai Comuni per la gestione di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini e adolescenti, che devono ancora essere ripartire e rese operative.  
Il Comune di Bergamo ha disposto di destinarle al sostegno delle altre attività educative e delle progettualità volte a contrastare le povertà educative, in accordo con il Servizio Minori e famiglie, e al contenimento delle quote di frequenza a carico delle famiglie.

Le risorse economiche per il contenimento delle quote di frequenza saranno erogate agli enti gestori in funzione del numero dei bambini residenti in Bergamo con attestazione ISEE in corso di validità non superiore a € 25.000,00 e che non usufruiscono della misura Bonus Babysitter per il pagamento della medesima attività estiva, oltre che in relazione al numero dei bambini inseriti su segnalazione dei servizi comunali.
Gli importi del contributo sono così determinati: € 45,00 a minore a settimana fascia di età 3-5; € 35,00 a minore a settimana fascia di età 6-11; € 25,00 a minore a settimana a fascia di età 12-17.
Questi importi sono applicati per tariffe di frequenza settimanale a tempo pieno a persona superiore a € 60,00 e inferiore o uguale a € 250,00. In caso di frequenza part time, il contributo è della metà.

Dal punto di vista del rapporto reciproco con gli Enti gestori, il Comune di Bergamo si impegna a
- mettere a disposizione gratuitamente per le attività le proprie aree/edifici appositamente individuate una volta verificatane la congruità con le prescrizioni di sicurezza;
- destinare i fondi statali di cui al DL n. 34/2020 al sostegno delle attività educative come sopra definite, anche sperimentali e delle progettualità volte a contrastare le povertà educative in accordo con il Servizio Minori e famiglie, e per il contenimento delle quote di frequenza a carico delle famiglie;
- reperire ulteriori fondi da privati per il contenimento delle quote di frequenza a carico della famiglia o per il supporto di specifici progetti;
- mettere a disposizione le figure educative che, nell’ambito della coprogettazione per l’inclusione, accompagneranno in rapporto 1:1 la eventuale partecipazione ai centri estivi di bambini e bambine con disabilità afferenti al servizio comunale di assistenza educativa scolastica;
- supportare, nell’ambito della coprogettazione del Servizio Minori e famiglie, l’inserimento nelle attività estive dei minori in situazione di fragilità sostenendone anche il costo per la frequenza;
- rendere disponibile la formazione per gli operatori (educatori, animatori, allenatori, volontari, ecc.) sulla sicurezza e la prevenzione dal contagio da COVID-19, in collaborazione con il Centro di Servizio per il Volontariato;
- fornire i dispositivi di protezione individuale per i bambini/ragazzi (mascherine e soluzione disinfettante) e a predisporre le necessarie informazioni sui comportamenti e le procedure da adottare;
- gestire le funzioni di coordinamento tecnico che compongano il palinsesto complessivo della città e pubblicizzino il quadro delle offerte di attività per quartiere o gruppi di quartieri: sarà infatti necessario limitare gli spostamenti e, in ogni caso, favorire quelli a piedi o con forme di mobilità dolce;
- stipulare apposita convenzione con la società affidataria del servizio di ristorazione comunale per la fornitura dei pasti giornalieri con caratteristiche e costi concordati a disposizione degli enti gestori;
- monitorare le attività proposte e predisporre un questionario per la rilevazione del grado di soddisfazione dell’utenza.
Gli Enti Gestori si impegnano a:
- presentare il progetto educativo e organizzativo dettagliato delle attività come di seguito specificato;
- realizzare le attività nei periodi e con le caratteristiche indicate nel progetto organizzativo;
- realizzare le attività osservando scrupolosamente le disposizioni indicate dalle Linee guida nazionali e regionali in materia;
- rispettare scrupolosamente le disposizioni e le prescrizioni normative in materia di prevenzione e mitigazione dei rischi di contagio da COVID-19;
- fornire agli operatori i dispositivi di protezione individuali previsti;
- partecipare alla formazione messa a disposizione dal Comune di Bergamo in collaborazione con il Centro di Servizio per il Volontariato facendo frequentare a distanza tutti gli operatori qualora non avessero già frequentato specifica formazione, da documentare;
- garantire la pulizia approfondita frequente degli ambienti, delle attrezzature e degli oggetti utilizzati per la realizzazione delle attività, assumendosene gli oneri;
- raccogliere la documentazione delle famiglie necessaria all’erogazione del contributo forfettario procapite per il contenimento delle quote di frequenza e presentare dettagliato rendiconto a consuntivo dei dati di frequenza dei minori residenti in Bergamo, secondo le indicazioni del Comune.

A partire da oggi, e fino a fine agosto, gli Enti gestori potranno compilare la domanda vera e propria di avvio delle attività. Pertanto, l’elenco allegato non è da ritenersi definitivo ed esaustivo. Nello stesso, inoltre, non sono compresi altri soggetti che hanno partecipato alla manifestazione di interesse proponendo attività laboratoriali per i centri estivi nei quartieri.
L’elenco completo - costantemente aggiornato - è disponibile sul sito Bambini e Genitori a Bergamo al seguente link: 
https://estateinsieme2020.bambiniegenitori.bergamo.it/

Per ulteriori informazioni serviziscolastici@comune.bg.it

Ultimo aggiornamento: 23/06/2020 10:48.06