Andare a scuola con lo scuolabus

Andare a scuola con lo scuolabus

Il trasporto scolastico è un servizio comunale attivato per facilitare l'accesso e la frequenza alle attività scolastiche e alle scuole del territorio comunale. È un servizio erogato agli studenti frequentanti le scuole presenti sul territorio comunale nel rispetto dei bacini d’utenza definiti per ciascuna scuola.

Il servizio di trasporto scolastico effettua normalmente corse giornaliere per accompagnare gli alunni alle sedi scolastiche e per garantire il loro ritorno al termine delle lezioni, secondo orari e fermate prestabiliti, in relazione al piano annuale di trasporto predisposto dal gestore del servizio in accordo con il Comune.

I genitori, gli esercenti la potestà, chi ha il minore in affido famigliare o chi ne fa le veci, hanno l’obbligo di condurre e prelevare i minori presso i punti di raccolta programmati agli orari stabiliti, fatta salva una espressa autorizzazione del genitore alla salita e discesa in autonomia.

Approfondimenti

Come iscriversi

La presentazione della domanda e relativo pagamento comportano l'integrale ed incondizionata accettazione della regolamentazione del servizio.

Il servizio viene erogato previa iscrizione dall'1 al 31 marzo di ogni anno con le seguenti modalità:

  • compilando il modulo telematico
  • inviando la domanda alla casella di posta elettronica serviziscolastici@comune.bg.it
  • presentandosi allo sportello dell'ufficio in via del Polaresco, 15.

L'iscrizione ha validità per ogni ciclo scolastico.

Dove è attivo

Le scuole che erogano il servizio sono:

  • scuola dell’infanzia S. Vigilio e primaria Ghisleni
  • scuola dell’infanzia Bellini e primaria Cavezzali
  • scuola primaria Don Bosco.

Consulta gli stradari trasporto scolastico:

I percorsi, i punti di raccolta e gli orari del servizio vengono fissati dal Comune sulla base delle richieste pervenute. I punti di raccolta sono individuati in zone idonee per la sicurezza degli utenti e non potranno essere percorse strade private o strade che non consentano il transito e le manovre dei mezzi.

Il Comune garantisce l'assistenza sui mezzi, sorvegliando i bambini durante il tragitto e alla salita/discesa.

Pagamento del servizio

La quota annua di contribuzione al servizio viene stabilita con provvedimento del Comune e pubblicata sul sito istituzionale dal 1 marzo di ogni anno a valere per l'anno scolastico successivo.

La quota di iscrizione è di 155,00 € da pagarsi in via anticipata.

Si procede a riduzione del 30% a partire dalla seconda quota per le famiglie con più di un iscritto al servizio.

Il rimborso delle quote versate è previsto solo in caso di mancata attivazione del servizio non essendo raggiunto il numero minimo di sette iscritti.

Nessun rimborso è dovuto dal Comune nel caso in cui non sia temporaneamente possibile assicurare il servizio e, nel caso di disdetta da parte della famiglia in corso d'anno, per i giorni mancanti alla fine dell'anno.

Non sono previsti rimborsi per cause non imputabili all'Amministrazione.

Eventuali disdette da parte della famiglia successive all'avvenuto pagamento devono essere comunicate al Comune in forma scritta e non danno diritto ad alcun rimborso.

Ritiro del minore

L'obbligo della presenza di un genitore per il ritiro dell'alunno alla fermata è condizione indispensabile per accedere al servizio.
È possibile altrimenti delegare un adulto maggiorenne, la delega deve essere rinnovata ad ogni anno scolastico.

Rientro in autonomia del minore

Le famiglie degli alunni iscritti alle classi IV e V della scuola primaria possono comunicare all'Amministrazione, assumendosi ogni responsabilità in merito, la decisione di autorizzare il proprio bambino a scendere alla fermata assegnata nel tragitto di ritorno del servizio di trasporto perchè rientri autonomamente all'abitazione.
In questo caso l'assistente potrà lasciar scendere il bambino in autonomia soltanto alla fermata assegnata.

 

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Famiglia Studio Trasporti
Ultimo aggiornamento: 26/02/2020 14:16.55