Votare al proprio domicilio

Votare al proprio domicilio

Gli elettori che sono affetti da gravi infermità, tali da impedire l'allontanamento dalla propria abitazione, o che si trovano in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, possono votare presso il proprio domicilio secondo il Decreto legge 03/01/2006, n. 1, art. 1 in occasione:

  • delle elezioni della Camera dei deputati, del Senato della Repubblica, dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia e delle consultazioni referendarie disciplinate da normativa statale
  • delle elezioni dei sindaci e dei consigli comunali soltanto nel caso in cui l'avente diritto al voto domiciliare dimori nell'ambito del territorio del Comune per cui è elettore
  • delle elezioni del presidente della giunta e del consiglio regionale della regione in cui l'avente titolo al voto dimora.

Per poter votare al proprio domicilio, è necessario presentare all'ufficio elettorale del Comune, nelle cui liste l'elettore risulta iscritto, una dichiarazione che attesta la volontà di esprimere il voto presso la propria abitazione.

Approfondimenti

Elettori in quarantena per Covid-19

Gli elettori che sono sottoposti a trattamento domiciliare, in condizioni di quarantena o isolamento fiduciario a causa di Covid-19 possono esprimere il voto domiciliare (Decreto legge 14/08/2020, n. 103).

Tra il 10 e il 15 settembre gli interessati devono quindi inviare al Comune nelle cui liste elettorali sono iscritti:

  • la dichiarazione in cui attestano:
    • la volontà di votare al proprio domicilio
    • i dati esatti e completi del proprio domicilio (indirizzo e recapito telefonico)
  • un certificato medico, rilasciato dopo il 6 settembre, che attesti la propria condizione.

Puoi trovare questa pagina in

Ultimo aggiornamento: 03/09/2020 11:19.22