Chiedere il riversamento del pagamento di tributi

Chiedere il riversamento del pagamento di tributi

Quando un contribuente versa un tributo locale a un Comune non competente compilando in modo errato il campo "codice ente" del modello di versamento F24, può comunicare l'errore commesso e chiedere il riversamento dell'importo al Comune competente (Legge 27/12/2013, n. 147, art. 1, com. 722 e Decreto ministeriale 24/02/2016).

La domanda deve essere presentata al Comune che ha ricevuto erroneamente il versamento.

La norma semplifica quindi gli adempimenti del contribuente che deve solo comunicare l'errore ad uno degli enti interessati, venendo liberato da ogni altro onere.

La procedura di riversamento si applica ai tributi IMU, TASI e TARI.

Approfondimenti

Errata indicazione del codice catastale da parte dell'intermediario

Può capitare che l'intermediario (banca, poste, agente della riscossione) presso il quale è stato presentato il modello F24, riporti in maniera errata il codice catastale del Comune indicato dal contribuente.
In questo caso dovrà essere l'intermediario, su richiesta del contribuente, a chiedere l'annullamento del modello F24 contenente l'errore, rinviandolo con i dati corretti.
Il contribuente informerà il Comune interessato dell'avvenuta operazione.

Servizi

Per presentare la pratica accedi al servizio che ti interessa

Puoi trovare questa pagina in

Sezioni: Tributi
Ultimo aggiornamento: 10/05/2019 09:47.58