Insudiciato con liquame Palazzo Frizzoni, e dintorni.

Questa mattina, tra le 5,30 3 le 6,00 tutta l’area antistante Palazzo Frizzoni, la facciata del Palazzo e degli edifici confinanti, fino ad una altezza di circa 10 metri, le auto parcheggiate ed un pezzo del Sentierone, sono stati inzuppati con liquame da fognatura, nero e schifosamente puzzolente... I netturbini hanno lavorato parecchie ore per ripulire, il più possibile, facciate ed auto, ma ci vorrà del tempo, e molta pioggia, per cancellare definitivamente i segni di questa incredibile imbrattatura, specialmente le macchie nere presenti sui muri e sulle finestre che rischiano di penetrare nella pietra. Una bravata veramente idiota e vergognosa: mai a Bergamo era avvenuto qualcosa del genere e forse nemmeno in altre città italiane. La Questura si chiede come sia possibile, però, che nessuno abbia visto o sentito nulla, nemmeno il vigile che dorme in una camera al piano terreno, vicino all’ingresso del Palazzo. Eppure gli autori di questa indegna azione devono fatto parecchio rumore: dopo aver prelevato il liquame da qualche pozzo nero, sicuramente capiente, lo devono aver trasportato sino in Piazza Matteotti o con una cisterna, trainata da un trattore, o con un apposito camion cisterna che non sono mezzi silenziosi , pensando anche che si sono mossi il mattino tra le 5 e mezza e le 6, quando già c’è gente in giro. Arrivati poi davanti al Comune devono avere usato una pompa abbastanza potente , e rumorosa, per spruzzare il liquame ad oltre 10 metri di altezza sulle facciate dei palazzi. Il Sindaco ha dichiarato che questa azione ‘infame e miseranda’ probabilmente è frutto del rabbioso clima politico di questo periodo e spera che le indagini portino alla identificazione di coloro che, con la loro indegna azione, non solo hanno sporcato il Palazzo del Comune, ma hanno anche offeso l’intera Città.