Coronavirus, firmato il Dpcm 22 marzo

Dall'istituzione

Il Governo italiano ha emanato il Dpcm del 22 marzo, con disposizioni urgenti valevoli da lunedì 23 marzo su tutto il territorio nazionale, per contenere la diffusione del coronavirus.

In sintesi:

  1. Sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, a eccezione di quelle indicate nell'allegato 1
  2. Le attività produttive sospese possono comunque proseguire se organizzate in modalità a distanza
  3. Restano sempre consentite anche le attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all'allegato 1, nonché dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali, previa comunicazione al Prefetto
  4. Sono comunque consentite le attività che erogano servizi di pubblica utilità, nonché servizi essenziali
  5. Sono consentite le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo, previa comunicazione al Prefetto dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo d'incidenti.

Le imprese le cui attività sono sospese completano le attività necessarie alla sospensione entro il 25 marzo 2020, compresa la spedizione della merce in giacenza.

È VIETATO spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati dal comune in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute.

Allegati
Ultimo aggiornamento: 23/03/2020 09:50.10