Piazzale degli Alpini, dal 8 gennaio apre un hub per i tamponi

Dall'istituzione
     

Il Comune di Bergamo e ATS Bergamo stanno per aprire un hub per l’esecuzione di tamponi rapidi negli spazi di piazzale degli Alpini, a pochi passi dal centro cittadino: un’operazione pensata per far fronte alla forte crescita dei casi di covid19 sul territorio bergamasco e garantire ai cittadini la possibilità di ottenere tamponi antigienici, abbreviando le attese e diminuendo le difficoltà riscontrate, da questo punto di vista, in città nelle scorse settimane.

A ospitare l’hub sarà la tensostruttura già allestita da DOC Servizi sul piazzale degli Alpini: il servizio partirà il prossimo sabato 8 gennaio e sarà attivo tutti i giorni dalle ore 9:00 alle ore 17:00.

Nei primi giorni tutte le linee attive presso il centro saranno destinate all’esecuzione dei tamponi a carico del sistema sanitario regionale, quindi gratuiti per il cittadino, con l’obiettivo sia di chiudere il periodo di isolamento e/o quarantena dei soggetti interessati, sia di agevolare l'esecuzione senza prenotazione di quelli previsti per la sorveglianza attiva di alunni e personale scolastico (T0il primo tampone da eseguire indicativamente nelle 48 ore successive dalla data di ricevimento dell’avviso di contatto; T5, il secondo tampone da effettuare dopo 5 giorni dal primo, senza interrompere la frequenza scolastica).

La decisione è stata presa per poter soddisfare quanto prima le numerose esigenze dei cittadini bergamaschi e garantire loro la più veloce ripresa delle attività lavorative e scolastiche.

Saranno successivamente attivabili due linee distinte, entrambe senza necessità di prenotazione: una dedicata ai cittadini richiedenti un tampone in regime di esenzione e un’altra, a pagamento - al prezzo di 15,00 € per tamponededicata a tutti gli altri cittadini compresi coloro i quali esibiscono un provvedimento di fine isolamento emesso da ATS (guarigione paziente Covid +).

Il servizio sarà garantito grazie alla collaborazione con la Cooperativa OSA, Operatori Sanitari Associati, Humanitas Gavazzeni e con AVIS Comunale Bergamo. Il Comune di Bergamo ha chiesto collaborazione ai volontari di BergamoXBergamo, Alpini, personale di Croce Rossa e Croce Bianca, City Angels Bergame alla Protezione Civile della città di Bergamo, tutte realtà che si stanno mobilitando per verificare la propria disponibilità a collaborare con il progetto.

“L’hub che aprirà sabato in Piazzale Alpini – per iniziativa congiunta del Comune di Bergamo e di ATS - servirà ad alleggerire la pressione sulle farmacie e sugli altri punti di screening – spiega il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori. - Quando la crescita dei contagi ha determinato lo stop delle attività di intrattenimento previste in Piazzale Alpini ci è venuto spontaneo proporre ad ATS di “convertire” le tensostrutture già montate per svolgere un servizio utile ai cittadini. Oggi infatti è questa la priorità, con la speranza che l’emergenza passi velocemente e che si possa presto riprendere il programma di eventi che avevamo predisposto.”

Per Massimo Giupponi, direttore generale dell’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, “è una iniziativa che potenzia la rete dei punti tampone. Ringrazio il Comune di Bergamo e i due gestori (Humanitas Gavazzeni e Cooperativa Osa) per la disponibilità accordata”.

“OSA Operatori Sanitari Associati – spiega Vincenzo Trivella, direttore dell’area nord di OSA - in virtù di questo ruolo, è orgogliosa di poter intervenire al servizio del Paese ogniqualvolta ne emerga la necessità. Anche in questa occasione siamo stati pronti a rispondere alla sollecitazione dell’ATS e del Comune di Bergamo, con responsabilità per l’impegno chiesto e gratitudine per la fiducia accordataci.”

Con oneri in carico a Regione (SSR)

 

Con oneri in carico al cittadino

 

 

  • Uscita da quarantena di contatto stretto

(con provvedimento di quarantena inviato da ATS)

 

  • Sorveglianza scuole

(con provvedimento di sorveglianza inviato da ATS)

 

  • Rientro estero

(con provvedimento di quarantena inviato da ATS)

 

 

 

 

 

 

  • Uscita da quarantena di contatto stretto

(senza provvedimento di quarantena inviato da ATS)

 

  • Sorveglianza scuole

(senza provvedimento di sorveglianza inviato da ATS)

 

  • Rientro estero

(senza provvedimento di quarantena inviato da ATS)

 

  • Tampone volontario del cittadino

 

  • Uscita da isolamento di caso positivo
Ultimo aggiornamento: 24/01/2022 14:38.41