Conoscere "Bergamo e Brescia capitale italiana della cultura 2023"

Logo BG BS 2023

La nomina di Bergamo e Brescia a Capitale Italiana della Cultura 2023 (BGBS2023), occorsa il 16 luglio del 2020, è nata dal desiderio di fornire una risposta alla discontinuità che, dall’inverno 2020 in avanti, ha profondamente segnato la convivenza globale. La violenza e la rapidità con cui la pandemia di Covid-19 ha fatto irruzione nei territori delle due città, anche plausibilmente a causa dell’apertura globale della loro economia, ha fatto storia e le immagini di quei giorni hanno emozionato il mondo. Per questo il Governo Italiano ha risposto positivamente alla proposta avanzata dalle due città, decidendo di sostenere la loro candidatura con la nomina a Capitale Italiana della Cultura 2023, avvenuta con il Decreto "Rilancio", in via straordinaria e in deroga rispetto alle normali procedure. Così facendo, ha aperto la possibilità di comporre un progetto che da una parte ambisce a restituire un senso possibile alla tragica esperienza pandemica e ai suoi lutti – al tempo stesso personali e planetari – mentre dall’altra si impegna a raccogliere le energie di un territorio straordinario per comporre un disegno orientato al futuro e al rilancio, nel quale l’azione culturale agisca come catalizzatrice di innovazioni e visioni nei più diversi ambiti della convivenza.

Approfondimenti

Il dossier

La città illuminata prende forma: Bergamo e Brescia si avvicinano a grandi passi all’appuntamento con il 2023, quando saranno, a braccetto, Capitale Italiana della Cultura. Consegnato lunedì scorso al Ministero della Cultura il dossier di programmazione che delinea la strategia e le azioni che le due città metteranno in campo in vista del prossimo anno, i sindaci Giorgio Gori ed Emilio Delbono hanno presentato mercoledì 2 febbraio 2022 al Teatro sociale di Bergamo Alta i primi contenuti del loro progetto di Capitale.

Innanzitutto il tema "La città illuminata" che raccoglie diverse sfaccettature e allude a una Capitale 2023 illuminata come città di ampie vedute, faro che si fa punto di riferimento, aperta alla luce della ragione, vivace e animata e come dinamo capace di trasformare l’operatività in energia positiva. Un’energia sottolineata anche dal logo della Capitale, con il "3" del 2023 a divenire una molla pronta ad sprigionare tutto lo slancio che le due città vogliono esprimere per ripartire dopo la dolorosa vicenda covid19, che nei due capoluoghi lombardi ha mietuto migliaia di vittime nella primavera del 2020.

Sono quattro le aree in cui si suddivide la progettazione che accompagnerà i territori nell'anno 2023:

  • la cultura come cura mirata a reinterpretare la tradizione solidale e mutualistica della storia locale, indicando le modalità che dall'esperienza di vulnerabilità determinata dalla pandemia, possa intensificare le pratiche di welfare integrativo e innovativo (rivolto ai sistemi sanitari e di inclusione sociale), ridisegnando i percorsi di condivisione delle risorse;
  • la città natura che, muovendo dal riconoscimento della necessità, nel XXI secolo, di farsi responsabilmente carico del ripensamento e della riprogettazione del rapporto dei singoli, delle collettività e delle imprese con le risorse naturali, ridisegni le relazioni tra modalità insediative, forme di consumo, sistemi di trasporto, attività produttive urbane e risorse ambientali in vista di una coesistenza sostenibile;
  • la città dei tesori nascosti mirata a ripensare, reinterpretare e riprogettare il rapporto con i patrimoni culturali e anche i significati e gli usi che i cittadini attribuiscono loro e i valori che rappresentano in termini di diritti umani, autorappresentazione identitaria e pratiche democratiche;
  • la città che inventa con la chiamata a raccolta di protagonisti e storie capaci di raccontare le capacità inventive, progettuali e realizzative del mondo manifatturiero, di alta qualità, caratteristico di questi territori, per definire un ambiente capace di immaginare e “costruire" il proprio futuro attraverso una particolare qualità del lavoro, dell'imprenditoria e dell'innovazione.​
Logo

Una lettera B, iniziale dei nomi delle due città che per la prima volta sono state scelte come duplice Capitale italiana della Cultura, che diventa un 3, evocativo del 2023, anno delle celebrazioni e dello slancio culturale di Bergamo e Brescia. Ma in un’altra chiave di lettura, resa possibile dall’uso di geometrie astratte, il segno grafico rosso suggerisce anche l’idea di una molla elastica che spinge le due città oltre i luoghi comuni che da sempre le accompagnano, quali città laboriose e pragmatiche, che solo pochi anni fa forse nessuno pensava potessero diventare capitali culturali dell’intera Italia. Sono queste alcune delle suggestioni sintetizzate nel logo scelto per Bergamo-Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023. A realizzarlo, la bresciana Akòmi, agenzia di comunicazione, che ha partecipato alla gara bandita dalle due città per ideare il progetto di identità visiva e logotipo dell’evento.

Il logo sarà proiettato, a partire dalle ore 19:00 del giorno di Santa Lucia, 13 dicembre 2021, per circa 2 mesi sulle facciate dei municipi di Bergamo e Brescia, Palazzo Frizzoni di piazza Matteotti nel capoluogo orobico, palazzo del Monte di Pietà in piazza della Loggia nel capoluogo bresciano. Ad accendere i proiettori saranno i Sindaci delle due città: Giorgio Gori, accompagnato da Laura Castelletti, a Bergamo; Emilio Del Bono, affiancato da Nadia Ghisalberti, a Brescia. Sindaci e Assessore sveleranno anche due grandi installazioni (di 3 metri di larghezza x 3 metri di altezza e altrettanti di profondità) che, rispettivamente in piazza Vittorio Veneto a Bergamo e in piazza della Vittoria a Brescia, scandiranno i giorni fino alla conclusione dell’appuntamento della Capitale, alla fine del 2023.

Non solo: dal 14 dicembre 2021 il logo comparirà sui mezzi pubblici (bus, tram, metropolitana e bike sharing) dell’Azienda Trasporti Bergamo e Brescia Mobilità, alle fermate dei mezzi pubblici e alle stazioni,  accompagnando la cittadinanza fino al grande appuntamento del 2023 e creando sempre più consapevolezza rispetto al prestigioso riconoscimento che le due città lombarde condivideranno tra poco più di un anno.

Il Logo della Capitale 2023

“È stato scelto il logo di impatto più diretto e al tempo stesso il più dinamico. – commenta il sindaco Giorgio Gori – Oggi la priorità è quella di fissare nella consapevolezza dei nostri cittadini l’appuntamento del 2023, così da vivere il prossimo anno come una sorta di lungo conto alla rovescia verso il nostro “anno della cultura”, iniziando a sottolineare l’alleanza e l’unicità di intenti tra Bergamo e Brescia. Questo aspetto è però destinato a diventare il vero cuore della comunicazione. Il logo che abbiamo scelto ha la versatilità per consentirci questa evoluzione: dalla data espressa con tratti semplici e colorati alla grande B rossa – il 3 di 2023 – che sovrappone le iniziali delle due città e si trasforma in un tratto semplice e facilmente memorizzabile, in grado di comunicare dinamismo e proiezione verso il futuro”.

“Semplice, lineare ma efficace. – spiega il Sindaco di Brescia Emilio Del Bono - Il logo di Bergamo e Brescia Capitale della cultura 2023 ben rappresenta la caratteristica della brescianità che più ci accomuna ai bergamaschi: la concretezza. Una concretezza che ci ha proiettato da città industriali a diventare simbolo della cultura in Italia e nel mondo. Un risultato su cui, solo qualche anno fa, in pochi avrebbero scommesso. Abbiamo dimostrato che, pur nella nostra solidità, sappiamo apprezzare la bellezza e l'estrema importanza della cultura e, soprattutto, sappiamo darle lo spazio che merita per far sì che anche i nostri concittadini possano goderne. Questo primo passo inaugura l'ultimo anno di lavoro che ci porterà ad aprirci all'Italia intera come orgoglioso simbolo di cultura.”

“Colorato, vivace, immediato, comprensibile a tutti e nello stesso tempo ricco di rimandi profondi e di aperture a declinazioni variabili. Sono questi i tratti peculiari del logotipo ideato dall’agenzia Akomi per Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura che più mi hanno colpito, perché sono gli stessi che stiamo infondendo a tutto il progetto del 2023” è il commento di Laura Castelletti, Vicesindaco e assessore alla cultura del Comune di Brescia. “Il dossier che stiamo costruendo e il palinsesto che lo declinerà intendono raccontare una capitale, composta da due città, che ne rispecchia la vitalità e lo slancio verso il futuro, ma che al contempo ne assume fino in fondo il profondo legame con la storia e con i valori più radicati. E’ un percorso in continua evoluzione, stimolante e coinvolgente. E da oggi lo diventa ancora di più, per tutti i bresciani e per tutti i bergamaschi, che potranno riconoscere e ritrovare il logo di questo eccezionale appuntamento in molti luoghi del loro quotidiano”.

“La presentazione del logo Bergamo Brescia Capitale della Cultura - commenta Nadia Ghisalberti, Assessora alla Cultura del Comune di Bergamo - è il kick off, il calcio d’inizio che ci proietta nel vivo della progettazione del palinsesto del 2023, rendendo visibile a tutti la grafica che accompagnerà le nostre due città sulla strada del “crescere insieme”. Il successo nasce dall’immediatezza delle forme e dei colori, e dall’originalità del motivo creativo, capace di dare vita a un’insolita linea grafica che appare dall’evoluzione di una lettera (la B che accomuna i nomi delle tue città) in un numero (il 3 dell’anno della capitale). L’auspicio è che tutti i cittadini si riconoscano in questo logo, espressione dello spirito di partecipazione che caratterizzerà il percorso di collaborazione tra Brescia e Bergamo.”

Il percorso amministrativo

L’avviso di indagine di mercato per la selezione del visual brand Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023 è stato pubblicato il 25 agosto ed è stato chiuso il 20 settembre. Le proposte pervenute sono state 52, da parte di 32 fra società/professionisti (ogni soggetto poteva presentare fino a due proposte grafiche). L’avviso ha suscitato in particolare l’interesse di agenzie/società dei territori di Bergamo e Brescia, ma non solo: 13 sono state le risposte arrivate da imprese con sede al di fuori delle due province.

Le fasi di selezione del logo si sono svolte con la generosa collaborazione dell’architetto Antonio Romano, considerato uno dei massimi rappresentanti italiani del brand design e fondatore del network Inarea. La proposta vincente, valutata in termini comparativi tenendo conto degli aspetti qualitativi indicati nell’avviso, è stata quella dell’agenzia AKOMI di Brescia.

Tra i parametri richiesti dal bando, particolarmente significativi son stati sin dall’inizio “l’aderenza rispetto all’identità delle Amministrazioni comunali; la riconoscibilità, ossia capacità di identificare con chiarezza l’evento Capitale della Cultura 2023 e di essere facilmente memorizzato; l’originalità; l’efficacia, garantita anche in contesti e con modalità limitate; flessibilità, ossia adattabilità in un sistema articolato di applicazioni. All’indagine dei due Comuni vincolante era anche l’esperienza dei soggetti, che dovevano essere in attività da prima del 2017 e dovevano aver realizzato, nei tre anni precedenti, lavori di livello nazionale o internazionale.

La descrizione del logo

La proposta progettuale si fonda sull’identificazione di un elemento semplice e lineare, la cui versatilità consente di fargli assumere di volta in volta differenti significati.

La forma è prima di tutto ispirata alla lettera B, iniziale condivisa dalle città di Brescia e Bergamo, ma è allo stesso tempo la cifra 3 di 2023, anno delle celebrazioni e dello slancio culturale di Brescia e Bergamo.

Il segno grafico, ricavato idealmente dalla curvatura di un elemento rettilineo, simboleggia la resilienza di due città che hanno sopportato un carico fisico ed emotivo pesantissimo. Un carico che le ha fatte curvare, ma sotto al quale non hanno mai ceduto, e che ha rinsaldato ulteriormente il loro legame.

Estrapolata dal marchio, la lettera B può venire completata e declinata in molteplici forme: una molla elastica...un gruppo di amici intorno a un tavolo...due persone che si abbracciano...un infermiere che esulta con le braccia al cielo perché il virus è stato sconfitto...una ballerina che danza in un teatro finalmente pieno…un homo preistorico di un’incisione rupestre.

Versatile e pieno di risorse, come le nostre città, il tratto rosso del marchio racconta anche le scienze e le tecnologie - diventando una resistenza elettrica e un alambicco - e la forza di un’idea, della ragione, tramite la luce sprigionata dal filamento di una lampadina. Ulteriori forme potranno emergere anche tramite un contest partecipativo.

Il marchio è pensato per essere presentato e introdotto nella versione comprensiva dell’anno 2023 in grafica - per costruire l’attesa verso l’anno delle celebrazioni - per poi spogliarsi progressivamente delle cifre e lasciare spazio al solo segno grafico, che potrà continuare a vivere e rappresentare i temi della cultura a Bergamo e Brescia anche negli anni successivi.

Akòmi

Fondata nel 2007 da professionisti che erano già attivi da alcuni anni in diversi ambiti della progettazione visiva e del design, negli anni l'attività di akòmi si è specializzata in progetti di comunicazione trasversali a diversi settori (musica, home video, food, promozione territoriale, real estate, insurance e finanza) con un approccio multidisciplinare. I servizi offerti contemplano, oltre all’advertising, la User eXperience, il marketing e la definizione strategica delle campagne di comunicazione.

«Crediamo che il nostro ruolo vada oltre la comunicazione intesa nel senso più tradizionale - commenta Giordano Apostoli, fondatore e presidente di akòmi - e, per questo, grazie alle competenze trasversali del nostro team, partiamo da un’idea e cerchiamo di farla crescere, esplorando tutte le potenzialità dei mezzi comunicativi, con creatività e visione d’insieme. Con questo metodo ci siamo approcciati anche all’elaborazione del logo per Capitale della Cultura. Siamo davvero felici che la nostra proposta sia piaciuta e onorati di poter essere parte di questa grande iniziativa».

«La mano che lo ha disegnato è quello di Massimiliano De Marinis - aggiunge Nicola Ghislanzoni, amministratore e fondatore di akòmi - ringraziamo lui e tutta la squadra, perché ciascuno, con la passione e dedizione dimostrata, ci ha permesso di ottenere questo bel risultato, che accompagnerà Bergamo e Brescia per tutto il 2023, facendo da filo conduttore di tutti gli eventi che comporranno il palinsesto di Anno della Cultura, ed anche oltre».

«La proposta progettuale del logo si fonda sull’identificazione di un elemento semplice e lineare, la cui versatilità consente di fargli assumere di volta in volta differenti significati», spiega Ghislanzoni. Il segno grafico, che evoca immediatamente la forma della lettera B e del 3, è ricavato dalla curvatura di un elemento lineare, che vuole idealmente richiamare l’emblematico tondino metallico, di cui Brescia è produttrice e Bergamo ampia utilizzatrice, simbolo sì del carattere operoso di bresciani e bergamaschi, ma anche della resilienza di due città che hanno sopportato per prime un carico fisico ed emotivo pesantissimo quale quello imposto dall’emergenza COVID-19, che le ha travolte nel 2020. Un carico che le ha fatte curvare, ma sotto al quale non hanno mai ceduto, una pressione che ha legato ancora di più due città che stavano già lavorando a un percorso condiviso, per scrollarsi di dosso tanti luoghi comuni, a partire da quello di un’accesa rivalità che, forse, alle volte hanno solo messo in scena senza crederci poi fino in fondo.

Claim: la nuova soluzione grafica per tutti

Il percorso di avvicinamento all’evento Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023 si arricchisce oggi di un altro capitolo. Dopo il disvelamento del logo ufficiale a dicembre 2021 e la pubblicazione del dossier a fine gennaio, viene resa pubblica la nuova soluzione grafica da utilizzare per tutto l’anno 2022 che riporta il claim “Siamo Capitale Italiana della Cultura”.

A differenza del logo istituzionale, che è depositato e il cui utilizzo prevede una precisa autorizzazione, questo elemento grafico può essere utilizzato gratuitamente da chiunque voglia promuovere l’iniziativa di Capitale Italiana della Cultura già a partire da quest’anno.

L’elemento grafico è scaricabile già da oggi dai siti istituzionali delle due amministrazioni comunali in tre diversi formati (quadrato, orizzontale e verticale) per essere adattato ai diversi contesti. I colori che lo compongono sono derivati dalle tinte utilizzate nei loghi comunali di Bergamo e Brescia, ossia il rosso, il giallo, il blu e l’azzurro.  Il manuale d’uso (anch’esso allegato e disponibile sui due siti internet) presenta alcuni di esempi di applicazione - adesivi, etichette, espositori - , ma l’elemento grafico può essere pensato per qualsiasi altro gadget.
I vari formati:

La grafica è ad uso gratuito ed è stata pensata per promuovere e diffondere già da ora l’appuntamento straordinario, che nel 2023 vedrà Bergamo e Brescia Capitale Italiana della Cultura, nei modi più ampi ed efficaci, anche per finalità commerciali, nel rispetto delle indicazioni contenute nel manuale d’utilizzo e nelle linee guida. 

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Cultura e tempo libero
Io sono: Cittadino attivo
Ultimo aggiornamento: 22/07/2022 15:49.56